Giornale di bordo

Soru attacca Pecorini

with one comment

La conferma di Pecorini alla guida di Tirrenia per altri tre anni, proprio non va giù al presidente della Regione Sardegna Renato Soru, che ha rinnovato la richiesta al governo di privatizzare entro l’anno il colosso di Stato. La battaglia, annuncia Saru, è giaà cominciata presso la Corte Europea e non potrà non concludersi con la chiusura della concessione a Tirrenia entro quest’anno e la gara d’assegnazionew delle linee entro il 2009.

Intanto le Regioni che si renderanno disponibili potranno gestire diretamente le compagnie minori, magari riuscendo anche a rispiamare qualcosa dei 12 milioni di euro annui che secondo Soru, lo Stato spenderebbe ogni anno sena offrire un servizio adeguato. Tuttavia su questo punto i governatori sono divisi: se Soru si dichiara implicitamente disposto ad accollarsi la gestione della Saremar, la Regione Sicilia ha più volte espresso il suo disappunto al trasferimentio gratuito della Siremar.

Written by Edwin Drood

luglio 16, 2008 a 6:11 pm

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. VERGOGNA !

    Ormai e’ diventata una consuetudine, in barba a tutte le regole di democrazia, la Tirrenia di navigazione continua a non rispettare i marittimi iscritti al sindacato sdl mare. Infatti appena viene dichiarato un azione di sciopero, pur rispettando leggi e normative , la Tirrenia trasborda il personale dalle navi dove e’ possibile scioperare.

    Quello che fa piu male e che non viene rispettata la volontà dei lavoratori, ma si tenta con sindacati di comodo di far capire che i problemi sono altri, tipo la privatizzazione della società, l’attacco della CONFITARMA, oppure la mancata approvazione di un piano industriale progettato dall’amministratore ma rifiutato da tutti i lavoratori. Gli effetti di questo pseudo piano industriale i lavoratori li stanno gia pagando sulla loro pelle.

    Abbiamo il personale fuori convenzione che lamenta una perdita salariale di oltre il 30%. Carenza di personale tecnico che risulta difficile da trovare per una non politica del personale. Periodi di imbarco allungati per mancanza di sostituzione a discapito della sicurezza.

    Per il personale in CRL, con la perdita di quattro navi, ci sono delle disponibilità retribuite che ormai superano i quaranta giorni….eppure tutto tace.

    I confederali , come al solito, continuano a salvaguardare le loro poltrone, ignorano i veri problemi dei lavoratori, ma esultano nella conferma dell’amministratore delegato. Sdl (sindacato dei lavoratori) continua e continuerà a denunciare il tutto, confidando sempre nella volontà dei lavoratori a lottare per la loro dignità.

    De Rosa ignazio

    luglio 18, 2008 at 7:43 am


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: